(Nei browser tipo Mozilla scegliere una categoria o cliccare sui titoli per aprirli tutti)

Consultazione articoli salutistici in linea
Emergenze nel sud-est dell'Africa dopo il ciclone

Le autorità di Mozambico, Zimbabwe e Malawi hanno molte difficoltà a gestire le varie emergenze anche sanitarie, con rischio di epidemie di colera nei campi allestiti a tende, in questi paesi duramente colpiti dal ciclone "Idai" dieci giorni fa; nel frattempo è salito a oltre settecentocinquanta persone il bilancio delle vittime, poi un milione ed ottocentomila persone avrebbero bisogno di assistenza immediata e si parla anche di un milione di bambini rimasti privi di abitazione e di ogni servizio. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche la siccità che compromette la qualità delle coltivazioni nel nord d'Italia e temperature insolitamente alte per il periodo, con le previsioni meteo che annunciano l'arrivo di una perturbazione fredda su tutta la penisola con forti venti che potrebbero danneggiare i germogli.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   25/03/2019
__________________________________________

Alte frequenze per la tecnologia mobile 5G

Con il passaggio dalle tecnologie mobili di seconda, terza e quarta generazione che funzionavano fra settecento MegaHertz e sei GigaHertz alla quinta generazione si passerà a frequenze fra ventotto e cento GHz; una differenza davvero significativa per consentire maggiore velocità nel trasferimento dati ma che pone interrogativi riguardo i rischi sulla salute degli utilizzatori considerando che molti ricercatori già si lamentavano dell'inquinamento elettromagnetico causato da smartphone che si portano vicino agli organi del corpo (nelle tasche dei pantaloni e delle giacche). Le onde ad alta frequenza di minore ampiezza avranno anche bisogno di molte più antenne posizionate a bassa altezza ad esempio nelle città perché sono fermate dagli edifici e raggiungono minori distanze, ma riguardo questa caratteristica non si conosce l'esatto funzionamento della tecnologia a causa dei vari brevetti che appartengono ad aziende cinesi.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   23/03/2019
__________________________________________

Affonda un traghetto sul fiume Tigri in Iraq

Sarebbero almeno cento le vittime, la maggior parte donne e bambini, a causa del naufragio di un traghetto in viaggio turistico sul fiume Tigri in Iraq presso Mosul; pare che l'imbarcazione sovraccarica di persone abbia cominciato ad imbarcare acqua e si sia sempre più appesantita da un lato fino a quando si è rovesciata completamente, poi si parla anche successivamente di innalzamento delle acque del fiume per l'apertura di una diga a Mosul. Molti a bordo non sapevano nuotare ed i soccoritori anche con l'utilizzo di elicotteri sono riusciti a trarre in salvo cinquantacinque persone, mentre le autorità hanno aperto un'inchiesta sull'accaduto e arrestato alcuni membri dell'equipaggio. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche che riguardano la sicurezza che una compagnia di volo indonesiana avrebbe disdetto l'ordine di acquisto di quarantanove aerei "737 MAX 8" considerati poco sicuri.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   22/03/2019
__________________________________________

Discussioni sulla malarioterapia per i tumori

La cosiddetta malarioterapia sarebbe un controverso procedimento terapeutico per curare i tumori ed altre gravi patologie iniettando nei pazienti il plasmodio della malaria sperimentato nel 1980 da Henry Heimlich, che ha raggiunto la notorietà per una manovra salvavita che si effettua per liberare le vie aeree in caso di soffocamento; ma a quanto pare per quanto riguarda la cura del cancro mancherebbero le basilari evidenze scientifiche. Alcuni sostengono che questa strategia inventata da un ricercatore australiano premiato con il Nobel nel 1927 (per trattare le demenze) potrebbe avere qualche efficacia, in pratica stimolando il sistema immunitario causando alte febbri malariche nei pazienti, mentre altri dicono che non vi è proprio nessuna reale logica terapeutica dal momento che la malaria non fa altro che distruggere un sistema immunitario già indebolito da gravi patologie.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   21/03/2019
__________________________________________

Fumo a Houston per incendio in petrolchimico

L'aria ha un cattivo odore a Houston in Texas a causa di un incendio che sta interessando da tre giorni alcune grandi cisterne di un impianto petrolchimico, situato a circa trentadue chilometri ad est della città, da cui fuoriesce denso fumo nero ed alte fiammate. Tutto ha un sapore sgradevole e si parla anche di difficoltà di respirazione, di minaccia ambientale considerando anche che l'attuale amministrazione americana ha reso meno efficace la normativa che regola gli interventi da attuare in caso di disastro ambientale. Pare poi che i pompieri che stavano spegnendo gli incendi non siano riusciti a pompare abbastanza acqua per cali di pressione nelle manichette. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che nel sud-est dell'Africa oltre due milioni e mezzo di persone siano state interessate recentemente da un forte ciclone e quindi in seria difficoltà.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   20/03/2019
__________________________________________

Inondazioni in Nebraska e Iowa in America

Sarebbero due le vittime, due i dispersi e centinaia le case inondate in aree rurali del Nebraska e Iowa dall'acqua esondata dai fiumi Mississippi e Missouri che hanno raggiunto livelli anomali a causa di forti precipitazioni piovose e dello scioglimento del manto nevoso sulle alture, ma le autorità che hanno definito il fenomeno come senza precedenti affermano che probabilmente si sono formate delle correnti che hanno fatto alzare improvvisamente il livello dei fiumi provocando delle falle negli argini. E' stato necessario utilizzare gli elicotteri per salvare diverse persone, poi alcune zone appaiono come isole circondate d'acqua e la situazione è difficile anche perché le inondazioni sono accadute prima della stagione delle piogge. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che in Mozambico le autorità del paese temono che potrebbero esserci oltre mille vittime a causa delle inondazioni.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   19/03/2019
__________________________________________

Difficoltà nel sud-est dell'Africa per inondazioni

Una scia di devastazione è rimasta dopo il passaggio del ciclone tropicale "Idai" che ha colpito Mozambico, Malawi e Zimbabwe e si parla di crisi umanitaria; inoltre, si sarebbe aggravato il bilancio delle vittime (centosettantaquattro e centinaia di dispersi) a causa delle precipitazioni piovose torrenziali e successive inondazioni che hanno fatto crollare case e ponti, interrotto comunicazioni e forniture energetiche. Fra le situazioni più difficili si segnala ad esempio oltre mezzo milione di persone rimaste isolate nella città portuale di Beira in Mozambico, poi duramente colpita dalla tempesta la regione montagnosa di Chimanimani in Zimbabwe a trecentocinquanta chilometri a sud-est della capitale Harare. Le squadre di soccorso cercano di portare aiuti a circa un milione e mezzo di persone interessate dal ciclone, paragonabile come forza distruttiva ad un uragano di categoria quattro.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   18/03/2019
__________________________________________

Inondazioni a Papua e siccità nelle Filippine

Sarebbero almeno cinquantotto le vittime ed oltre cinquanta i feriti a causa di precipitazioni piovose torrenziali e conseguenti improvvise inondazioni che hanno colpito zone ad est della provincia di Papua in Indonesia. Sentani risulta fra le aree più colpite vicino alla capitale provinciale Jayapura, poi si parla di decine di abitazioni danneggiate dalle inondazioni mentre le squadre di soccorso devono ancora raggiungere alcune zone colpite. Per quanto riguarda le Filippine la prolungata siccità starebbe causando notevoli disagi nella capitale Manila con le famiglie costrette a fare file di ore per poter riempire dei recipienti da autocisterne. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che il ciclone "Idai" già precedentemente annunciato ha sferzato con venti violenti Mozambico, Malawi e Zimbabwe; si parla di oltre centocinquanta vittime.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   17/03/2019
__________________________________________

Chiazza di idrocarburi minaccia le coste francesi

Quattro navi francesi cercano di arginare le due grandi chiazze di idrocarburi che sono fuoriuscite da una nave cargo-traghetto italiana a circa trecento chilometri ad ovest della città La Rochelle e destinate a raggiungere le coste della Nuova Aquitania. Si parla di un incendio a bordo durante la rotta fra Amburgo in Germania e Casablanca in Marocco che ha anche danneggiato molti container di cui circa quaranta sono finiti in mare con il loro carico di sostanze spesso inquinanti, poi sono caduti dalla nave circa duemila veicoli e le autorità dicono che è come se si fosse verificato un grande incidente automobilistico, ma in modo figurato nel fondale marino e quindi con potenziale minaccia ambientale per pesci e plankton in un'area molto ricca di biodiversità a causa delle centinaia di tonnellate di sostanze chimiche e tossiche presenti sommando tutti i veicoli.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   16/03/2019
__________________________________________

Piogge torrenziali in Mozambico e Malawi

Sarebbero almeno sessantasei le vittime e centoundici i feriti a causa delle precipitazioni piovose torrenziali che hanno colpito inondando ampie zone del centro e del nord Mozambico, centoquarantunomila le persone interessate dall'ondata di maltempo e le autorità avrebbero anche dichiarato un'allerta rossa se dovesse continuare a piovere con tale intensità in attesa dell'arrivo del ciclone tropicale denominato "Idai". Nel frattempo si organizzano le evacuazioni e si fa la conta dei danni per questo paese dell'Africa fra i più poveri (e poco responsabile dei cambiamenti climatici) con cinquemilasettecento abitazioni distrutte oltre a diciotto ospedali, novecentotrentotto aule scolastiche e centosessantottomila ettari di coltivazioni. Trenta le vittime in Malawi che confina con il Mozambico e duencentotrentamila persone evacuate. Da segnalare recentemente inondazioni anche in Brasile con undici vittime a San Paolo.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   15/03/2019
__________________________________________

Aria irrespirabile ed inquinata in Corea del Sud

Una cappa persistente ad alta concentrazione di inquinanti persiste da giorni in vaste aree della Corea del Sud tanto che le autorità parlano di una specie di disastro sociale ed hanno stanziato dei fondi per fronteggiare il problema che spesso costringe la popolazione ad andare in giro con mascherine dal momento che l'aria è quasi irrespirabile. Fra le cause principali responsabili delle elevate emissioni sono state individuate le centrali alimentate a carbone ed i veicoli; infatti, in questo ultimo caso si cerca di promuovere l'alimentazione a gas, poi le aule scolastiche dovranno dotarsi di un purificatore d'aria. Recentemente è stato anche chiesto aiuto alla Cina per fornire la (discutibile) tecnologia che consente di facilitare la pioggia in caso di copertura nebulosa. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche il crescente inquinamento globale delle riserve idriche e di quelle di falda.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   14/03/2019
__________________________________________

Indagine su software di aereo caduto

Gli aerei moderni sono forniti di sofisticate strumentazioni che consentono un pilotaggio quasi in automatico evitando e correggendo eventuali errori del personale di bordo, ma nel caso di un aereo "737 MAX 8" caduto pochi minuti dopo il decollo dall'aeroporto di Addis Abeba (centocinquantasette vittime) pare che proprio il software sia stato responsabile di un assetto scorretto del velivolo, forse anche a causa di particolari sensori difettosi. Le testimonianze parlano di uno strano rumore metallico e fumo a bordo, ma le analogie con un altro caso di aereo dello stesso modello precipitato dopo il decollo e richiesta di poter rientrare all'aeroporto dei piloti pone interrogativi sulla sicurezza del velivolo che ha caratteristiche speciali con ali molto basse che hanno costretto a montare dei motori diversi da quelli previsti inizialmente, correggendo un poco l'assetto con il software.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   13/03/2019
__________________________________________

Bufere di vento con forti raffiche in Italia

Le forti raffiche di vento che hanno sferzato da nord a sud tutta l'Italia hanno fatto cadere molti alberi con vari disagi in Lombardia ed anche un tetto di una palestra scoperchiato, diverse macchine schiacciate in provincia di Venezia, un muro di una scuola crollato a Napoli sotto il peso di un albero sradicato. Da notare che in questi giorni sono stati segnalati molti danni provocati dal vento in tutta Europa con problemi alla circolazione stradale, ritardi e cancellazioni di collegamenti ferroviari ed aerei, poi si parla di una vittima in Germania (dove la tempesta di vento è stata chiamata "Eberhard") sempre per la caduta di un albero su una macchina, raffiche in montagna a centocinquanta chilometri orari e paesini isolati mentre si lavora a ripristinare i servizi interrotti. Le raffiche di vento avrebbero raggiunto picchi superiori a centoventi chilometri orari anche in Belgio.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   12/03/2019
__________________________________________

Allenare i cani a non tirare il guinzaglio

E' noto da tempo che i cani che danno strattoni al guinzaglio siano responsabili di varie problematiche sanitarie alle articolazioni, muscoli, tendini di mani, braccia e spalle ed ora un nuovo studio di ricercatori americani avrebbe evidenziato come la percentuale di fratture in persone che portano a spasso il cane al guinzaglio sia notevolmente aumentata; per fare un esempio da oltre milleseicento casi nel 2004 a quasi quattromilaquattrocento nel 2017 e quindi centossesantatre percento in più (percentuale maggiore di altri tipi di fratture). Le fratture all'anca sarebbero le più frequenti, costituendo il diciassette percento riguardo i danni alla salute monitorati, e questo dato preoccupa riguardo l'eventuale mortalità dei pazienti oltre i sessantacinque anni di età che si avvicina al trenta percento. Per minimizzare i rischi è possibile allenare i cani a non tirare il guinzaglio e che obbediscano docilmente ai comandi.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   11/03/2019
__________________________________________

Un sonnellino per abbassare la pressione

Fare un sonnellino durante la giornata farebbe abbassare la pressione allo stesso modo di altri cambiamenti salutari dello stile di vita, almeno secondo uno studio di ricercatori greci che avrebbe monitorato delle migliori letture con una media di cinque mmHg in meno; inoltre, per ogni ora di riposo la pressione sistolica o massima diminuisce di una media di tre mmHg riguardo i livelli di pressione. Questo potrebbe avere effetti positivi sull'organismo evitando serie problematiche all'apparato cardiovascolare, poi migliorano le misurazioni prese durante tutto il giorno e quantificabili per fare un esempio in circa 128/76 contro i 134/79 mmHg di chi non fa il sonnellino. Non si vuole incoraggiare la gente a dormire per ore durante il giorno ma solo a prendersi una pausa e di non sentirsi in colpa visto i benefici salutari che si possono ottenere.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   09/03/2019
__________________________________________

Indagine in Canada su chiazza idrocarburi in mare

Dopo aver constatato le reali dimensioni della chiazza di idrocarburi che si estende per chilometri al largo delle coste di Labrador e Terranova dovuta ad una perdita stimata in duecentocinquantamila litri (fra petrolio, acqua e gas) da un impianto di estrazione petrolifero ancora in novembre le autorità canadesi si sarebbero dichiarate stupite dai dati relativi all'incidente dichiarati sulla pagina web online della compagnia petrolifera che tendono a minimizzare quello che in realtà è un disastro ambientale fra i più gravi mai accaduti. La chiazza di idrocarburi si estende per circa ventuno chilometri per otto in mare a trecentocinquanta chilometri in una vasta area ad est della città di S. John, ma la mappa del luogo dove si è verificato il grave incidente probabilmente causato dal giunto difettoso di una conduttura a quanto pare non è stata proprio fornita.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   08/03/2019
__________________________________________

Raccolta problematica della plastica in Indonesia

La gestione dei rifiuti plastici è difficile in tutto il globo e particolarmente in Indonesia dove alcune discariche sono piene, ma non mancano le iniziative di tutela ambientale come accaduto nel Parco nazionale di Komodo dove sono stati raccolti, da gruppi coordinati di persone incluso insegnanti e studenti, novecentottanta chilogrammi di residui vari in gran parte costituiti da plastica. Le isole di Komodo sono una riserva naturalistica di importanza mondiale (veramente pregevoli la flora e la fauna presenti) ed anche popolare meta turistica con vedute diventate famose come quella con tre caratteristici crateri vicini di Kelimutu, sede di un parco nazionale che si è proceduto a ripulire. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche i numerosi incendi che in questo periodo hanno devastato ettari di vegetazione in Spagna, Italia e soprattutto in un parco nazionale del Kenya.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   07/03/2019
__________________________________________

Effetti negativi delle ondate di calore marine

Come le ondate di calore sulla terra distruggono raccolti, danneggiano le foreste e la popolazione animale allo stesso modo le ondate di calore marine possono devastare l'ecosistema degli oceani con un effetto a largo raggio sugli organismi marini. Gli oceani per effetto delle emissioni umane derivanti dall'uso dei combustibili fossili stanno diventando sempre più caldi con una maggiore frequenza di ondate di calore marine che alterano la struttura ed il funzionamento dell'ecosistema con conseguenze e ramificazioni anche sulle società. Ad esempio foche e balene stanno cambiando le loro abitudini alimentari a causa dei cambiamenti climatici che sconvolgono il loro habitat ed alcuni affermano che l'Artico è la sirena di allarme riguardo la devastazione dell'ecosistema con molte specie che non riescono ad adattarsi a variazioni troppo rapide.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   06/03/2019
__________________________________________

Incendi in Australia dopo il caldo

Decine di incendi fuori controllo starebbero interessando vaste aree nel sud dell'Australia con circa mille pompieri impegnati a cercare di spegnere le fiamme altissime che stanno bruciando la vegetazione, imponenti alberi e vigneti pregiati; si parla anche di nove strutture distrutte fra cui alcune case. Particolarmente colpito dagli incendi nei giorni scorsi con seimila ettari bruciati il parco Bunyip nel sud-est dello stato Victoria, ma la situazione in generale è leggermente migliorata anche se l'emergenza non è ancora finita. Notevoli i disagi per la popolazione per le ondate di calore a circa quaranta gradi Celsius che stanno investendo il paese; infatti, l'Australia ha fatto registrare temperature da record tanto che i climatologi hanno affermato di non aver mai monitorato prima un'estate così calda in attesa comunque di aver dati di media definitivi.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   05/03/2019
__________________________________________

Tornado in Alabama negli Stati Uniti

Sarebbero almeno ventitre le vittime nel sud-est dell'Alabama a causa di un tornado che nel suo percorso ha sradicato alberi, travolto moduli abitativi, danneggiato edifici, fatto cadere tralicci e strutture di metallo sulle strade ostacolando con detriti il traffico stradale; si parla di due bambini fra le vittime mentre i soccorritori sono ancora all'opera e le previsioni annunciano allarme meteo anche per Georgia, Carolina del Sud e Florida. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche la scarsità di acqua potabile in Venezuela anche per la cattiva gestione della rete idrica ed i danni a tutto il settore agricolo in Italia causati dalla primavera anticipata cominciata in febbraio a causa di anomale temperature molto superiori alle medie con sconvolgimento dei ritmi naturali.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   04/03/2019
__________________________________________

Risarcimenti in Canada per danni da tabacco

Alcune compagnie produttrici di sigarette per effetto di una class action sarebbero state condannate in Canada a pagare una grossa somma per risarcimenti dai danni alla salute causati dal fumo di tabacco anche se rimane ancora da attendere l'ultimo grado di giudizio. La somma andrà a vantaggio di circa centomila persone e quindi in pratica suddivisa in piccoli risarcimenti, ma si tratta comunque di un risultato importante. Molte sono le critiche che gli ambientalisti avanzano contro l'industria del tabacco accusata di essere molto inquinante, con una filiera produttiva poco rispettosa dell'ambiente, poi i mozziconi di sigarette sono il più comune uso di plastica usa e getta che non viene in gran parte riciclata. Se la richiesta di tabacco continuerà a crescere assisteremo ad un allarmante degrado ambientale a causa della grande richiesta di terra, acqua, energia, pesticidi e fertilizzanti.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   02/03/2019
__________________________________________

Un metodo più efficace per riciclare la plastica

Riciclando le bottiglie di plastica è possibile aggiungere delle molecole derivanti da impianti di trattamento delle biomasse per ottenere due tipi di fibra-plastica rinforzata di valore due o tre volte superiore, almeno secondo l'opinione di ricercatori americani che sperano in questo modo di tutelare gli oceani dall'inquinamento della plastica. E' anche possibile utilizzare questo materiale composito per realizzare parti di auto, aerei o altra componentistica di alto valore e a lunga durata anche se bisogna ancora valutare il processo di produzione su larga scala e lo studio è ancora nelle prime fasi; inoltre, questo tipo di riciclaggio richiederebbe cinquatasette percento di energia in meno con quaranta percento di minori emissioni inquinanti; tenendo presente che il poliestere (PET) della plastica può essere riciclato solo una o due volte e tende ad avere minore valore rispetto alla materia prima.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   01/03/2019
__________________________________________

Estate da record di caldo in Australia

Le temperature medie monitorate durante l'estate in Australia sarebbero state più alte di oltre due gradi Celsius anche se non sono ancora disponibili i dati definitivi; inoltre, i mesi da dicembre a febbraio sono stati caratterizzati da scarse precipitazioni piovose probabilmente a causa del tipo di quadro meteorologico presente sopra l'Oceano Indiano e Pacifico. Le previsioni meteo per il momento non annunciano cambiamenti significativi per l'autunno, quindi la situazione per le attività agricole rimane difficile considerando che in media nel paese sono state monitorate in gennaio temperature superiori ai trenta gradi Celsius (il mese più caldo mai registrato in Australia). Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che un nuovo studio propone di trasformare il biossido di carbonio in acido ossalico utile per molti sistemi produttivi invece di stoccarlo sotto terra.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   28/02/2019
__________________________________________

Relazione fra artrite reumatoide e fumo

Le donne che hanno smesso di fumare da molto tempo avrebbero un rischio minore di ammalarsi di artrite reumatoide rispetto a quelle che hanno deciso da poco di eliminare dal proprio stile di vita questo insalubre e costoso vizio; infatti, un nuovo studio avrebbe evidenziato che il rischio diminuisce del trentasette percento, almeno nei pazienti che hanno gli anticorpi nel sangue che identificano la malattia infiammatoria che colpisce le articolazioni e specialmente quelle delle mani e dei piedi. Si parla anche di una maggiore frequenza di deformità alle articolazioni, disabilità ed infiammazioni (ma a seconda della patogenesi della malattia) che spesso colpiscono le donne in età lavorativa e quindi con un pesante carico sulle società e le famiglie. Un altro studio avrebbe evidenziato che il fumo agisce sulle cellule tumorali dei melanomi rendendo più difficile la guarigione nei pazienti.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   27/02/2019
__________________________________________

Meno stratocumuli se aumenta il CO2

Le nubi di stratocumuli coprono circa il venti percento degli oceani subtropicali riflettendo i raggi solari ed evitando in questo modo l'eccessivo surriscaldamento climatico ed anomale ondate di calore; ma secondo l'opinione di ricercatori americani potrebbero dissolversi se la concentrazione di biossido di carbonio dovesse continuare ad aumentare fino a triplicare, rispetto ai valori attuali mantenendo inalterato il ritmo di crescita delle emissioni. Si ipotizza che in futuro la temperatura del pianeta potrebbe aumentare anche di otto gradi Celsius che si andrebbero a sommare al surriscaldamento provocato dalle attività umane e conseguente rapida fusione delle calotte polari con rialzo dei mari di molti metri. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche l'ondata di maltempo in vaste aree del nord-est degli Stati Uniti con gelide raffiche di vento con picchi tipo uragano.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   26/02/2019
__________________________________________

Raffiche di vento in Canada e in Italia

Una perturbazione caratterizzata da raffiche di vento gelido ed alte mareggiate sulle coste sta sferzando il Canada, si parla di molti alberi caduti, forti nevicate, scarsa visibilità, interruzioni nella fornitura di energia elettrica e disagi nei trasporti; particolarmente colpite le regioni Hamilton e Niagara dove è capitato che il vento forte abbia anche fatto crollare una sezione di un edificio, mentre le previsioni avvertono che l'area di Toronto potrebbe essere interessata dal maltempo con picchi di vento a circa cento chilometri orari. Per quanto riguarda l'Italia si contano i danni provocati dalle raffiche di vento al centro-sud (sette le vittime, un disperso e decine i feriti) con serre distrutte, alberi secolari sradicati, frane, a volte sezioni di passeggiate sul lungomare danneggiate dalle mareggiate; ma la situazione riguardo il meteo sta migliorando.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   25/02/2019
__________________________________________

Ondata di maltempo al centro-sud Italia

Sarebbero cinque le vittime e decine i feriti a causa dell'ondata di maltempo caratterizzata da raffiche di vento e brusco calo delle temperature (particolarmente colpito il Lazio), centinaia gli alberi caduti; poi si parla di cartelloni pubblicitari crollati, una nave cargo arenata presso il porto di Bari e una collisione fra due traghetti nel porto di Ischia. Diversi i disagi per la popolazione a causa del vento forte che ha costretto ad esempio alla chiusura dei parchi a Roma; inoltre, non sono mancate le precipitazioni nevose anche a bassa quota e in zone inusuali come quella di Alberobello in Puglia. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche la tendenza promossa da organizzazioni internazionali alimentari a promuovere un'agricoltura di tipo urbano ed orti di condivisione che potrebbe anche essere utile a contrastare i cambiamenti climatici ed evitare lunghi viaggi per i vegetali raccolti.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   24/02/2019
__________________________________________

Un radar per prevedere i nubifragi

Per poter accuratamente prevedere un eventuale nubifragio torrenziale i ricercatori giapponesi avrebbero messo a punto un radar ad alta tecnologia in grado di visualizzare una mappa tridimensionale della nube temporalesca in circa trenta - sessanta secondi, migliorando di molto il precedente sistema di rilevamento che impiegava oltre cinque minuti per monitorare solo una parte della nube carica di pioggia. Questa tecnologia che sfrutta delle onde radio per misurare la quantità di vapore acqueo potrebbe anche essere utile a salvare vite umane avvertendo la popolazione trenta minuti prima che le strade siano invase da fiumi d'acqua impetuosa a causa dei nubifragi che allagano le aree localizzate sotto il piano stradale, poi gli organizzatori delle Olimpiadi del 2020 potrebbero sfruttare questo sistema per evitare inconvenienti durante la manifestazione.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   23/02/2019
__________________________________________

Rischio di conflitti per i cambiamenti climatici

Ormai non si parla più di rischio di conflitti per ipotetici scenari futuri ma di una minaccia concreta ed imminente riguardo la sicurezza di intere popolazioni, ad esempio a causa della scarsità di acqua in ampie zone di Iraq, Pakistan ed India poi per le dure condizioni di vita nei Caraibi causate dal passaggio degli uragani e dal rialzo del mare che erode le coste; inoltre, il calo vistoso del livello del lago Chad in Africa sta causando crescenti tensioni fra persone in pratica private dei mezzi per sopravvivere. Le emissioni continuano ad aumentare e quindi la situazione non potrà che peggiorare ulteriormente nelle aree a rischio e bisogna prepararsi al peggiore degli scenari per l'ambiente con più caldo e minori precipitazioni piovose e quindi scarsa disponibilità di acqua. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche l'insolita nevicata nel deserto del Nevada fino a Los Angeles.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   22/02/2019
__________________________________________

Microplastica nei fondali del Mare del Nord

In trentacinque campioni raccolti nei fondali del Mare del Nord e di Barents presso installazioni di sfruttamento di idrocarburi e gas è stata trovata della microplastica, almeno da quanto risulta dalle analisi di un istituto norvegese che avrebbe riscontrato come vi sia un pericolo per la catena alimentare dal momento che dei vermi setola molto presenti nei fondali si nutrano inavvertitamente di microplastica e poi siano mangiati dai pesci e successivamente dagli uomini. Per il momento non si conoscono bene i rischi reali per la salute ma i ricercatori norvegesi che si sono sorpresi di fare questa scoperta in alto mare starebbero realizzando una mappa sulle fonti e sul tipo di microplastica trovata anche se di alcuni campioni non si conosce la provenienza; inoltre, un alto numero di frammenti somigliano a plastica ma non si riesce a capire se lo siano veramente.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   21/02/2019
__________________________________________

Risarcire i danni agli abitanti di Fukushima

La società che gestisce l'impianto atomico di Fukushima deve risarcire una forte somma a centocinquantadue residenti locali danneggiati dall'incidente nucleare del 2011 (il più grave dopo quello di Chernobyl nel 1986), almeno da quanto risulta da un verdetto della corte del distretto di Yokohama che sottolinea come si poteva evitare il disastro dotando l'impianto di un'adeguata barriera contro gli tsunami. Nel marzo dello scorso anno una corte di Kyoto nell'ovest del Giappone aveva già individuato le stesse responsabilità con risarcimenti per centodieci residenti di Fukushima, ma nel settembre del 2017 una corte di Chiba presso Tokyo aveva giudicato responsabile solo l'operatore dell'impianto. Circa dodicimila persone costrette a lasciare le loro abitazioni a causa delle radiazioni sarebbero coinvolte in varie contese giudiziarie che riguardano sempre la sottovalutazione del rischio tsunami da parte del governo e del gestore della centrale atomica.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   20/02/2019
__________________________________________

Fiumi in secca nel sud dell'Australia

La prolungata siccità e le ondate di calore che stanno caratterizzando la stagione estiva nel sud dell'Australia hanno fatto abbassare moltissimo il livello dei fiumi e in particolare preoccupa la portata del vasto sistema idrico costituito dai fiumi Murray e Darling che consentono la sopravvivenza di molte comunità. Una moria di milioni di pesci nel fiume Darling dimostra la scarsa ossigenazione dell'acqua e la possibilità della presenza di alghe tossiche; inoltre, le autorità sostengono che le regioni del Queensland e Nuovo Galles del sud stanno sfruttando troppo il fiume a scopi agricoli e la situazione continua a peggiorare, poi anche se si tentasse di rilasciare acqua nel sistema idrico aprendo le dighe non si otterrebbero molti risultati dal momento che servono significative precipitazioni piovose. Alcuni attivisti ambientali denunciano anche allacci idrici abusivi per l'agricoltura intensiva e grandi cotonifici.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   19/02/2019
__________________________________________

Salvaguardia degli insetti in Germania

E' necessaria una nuova normativa che possa salvaguardare gli insetti ed evitarne l'estinzione, almeno secondo l'opinione delle autorità ambientali della Germania che hanno focalizzato l'attenzione riguardo l'uso eccessivo di pesticidi anche per proteggere in futuro la stessa umanità e di come sia necessario stanziare fondi adeguati, considerando anche le forti somme destinate a sostenere l'agricoltura nel paese, per fronteggiare la situazione ed agendo su più fronti: dalla tutela della natura e delle risorse d'acqua, alla protezione della vegetazione con un ulteriore restrizione dell'uso di fertilizzanti ed attenta gestione dell'urbanistica e dell'illuminazione che disorienta gli insetti, poi bisognerà finanziare la ricerca su questo campo in genere. Ci sono diversi fattori che entrano in gioco nel declino degli insetti come uso di pesticidi, inquinamento, cambiamenti climatici, modificazioni significative dell'habitat per questo bisognerebbe favorire l'agricoltura organica.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   18/02/2019
__________________________________________

Sigarette elettroniche ugualmente dannose

Comparando i danni che subiscono le cellule a causa del fumo di sigarette tradizionali e quelle elettroniche non sarebbero state riscontrate differenze significative, almeno da quanto risulta da uno studio effettuato da ricercatori in Australia e Nuova Zelanda che consigliano di smettere di fumare ai fumatori di sigarette alternative pensando possa essere una scelta più salutare. Le sigarette che non bruciano il tabacco (cosiddette scalda - non brucia) risulterebbero ugualmente dannose anche a basse concentrazioni, mentre quelle con vapori di tabacco soprattutto ad alta, ma saranno necessari almeno cinque anni per poter verificare a lungo termine i danni per l'organismo. Altri studi segnalano come i giovani spesso siano attratti dai nuovi tipi di modelli di sigarette elettroniche che somigliano ad accattivanti penne USB; infatti, basta ricaricare i dispositivi riguardo la componente elettronica inserendole nei computer.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   16/02/2019
__________________________________________

Ghiacci che si ritirano scoprono nuovi vulcani

La rapida fusione dei ghiacci ha portato alla scoperta di formazioni rocciose mai viste prima e fra queste nuovi vulcani di cui nemmeno si sospettava l'esistenza, almeno secondo le dichiarazioni di ricercatori canadesi riguardo i cambiamenti climatici in British Columbia, poi man mano che i ghiacci si ritirano potrebbe aumentare fino ad otto volte l'attività vulcanica e diminuendo il peso della massa ghiacciata sulla crosta terrestre varia di conseguenza il tipo di movimento del magma attraverso di essa. Bisognerebbe anche comprendere come il fenomeno che porta alla crescita e successivo ritirarsi della massa ghiacciata può causare delle eruzioni vulcaniche e in Canada sarebbe più evidente che in altre parti del globo, tanto che in British Columbia si possono vedere fumarole attive come accade ad esempio sul monte Meager, ma in genere non vi sarebbe un pericolo immediato.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   15/02/2019
__________________________________________

Parchi memoriali a Palu in Indonesia

Nelle zone di Palu colpite dal fenomeno della liquefazione del terreno, che accade quando in seguito ad un terremoto gli strati di roccia superficiali più duri e pesanti perdendo stabilità affondano sostituiti da terreno leggero e sabbia fangosi, le autorità di Sulawesi sarebbero intenzionate a pianificare dei parchi memoriali anche per evitare che la popolazione possa costruire ancora in queste aree a rischio; infatti, circa quarantamila persone sopravvissute a Palu al terremoto e tsunami nel settembre del 2018 vivono ancora nei rifugi. Nel frattempo in Indonesia non cessa l'attività vulcanica di almeno venti vulcani con diversi tipi di livelli di allerta e relative evacuazioni (ad esempio a causa della lava che fuoriesce dal monte Karangetang), poi non mancano anche le ondate di maltempo come accaduto recentemente presso Bandung, ad ovest di Java, dove delle inondazioni avrebbero causato tre vittime.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   14/02/2019
__________________________________________

Maltempo e neve alle Hawaii

Una perturbazione caratterizzata da bufere di neve avrebbe colpito le isole Hawaii causando la caduta di alberi, interruzioni nella fornitura di energia elettrica e danni ai tetti a causa del peso della neve, poi pare che la tempesta abbia rotto delle gabbie di uccelli nello zoo di Honolulu facendoli scappare, mentre appare insolito il panorama delle isole con le famose scure formazioni vulcaniche di aspetto cilindrico e geometrico coperte di neve come accade presso Polipoli. I meteorologi sostengono che variazioni nelle correnti fredde a getto polari stanno facendo alzare le temperature in Alaska causando insolito maltempo alle Hawaii. Freddo anche sulla costa ad est di Canada e Stati Uniti; inoltre, si parla di diverse persone ricoverate a causa di un video, diventato virale, che mostra pericolosi gesti con il contenuto di pentole di acqua bollente gettate in aria che diventa istantaneamente neve.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   13/02/2019
__________________________________________

Incendio in albergo poco sicuro a Delhi

Sarebbero almeno diciassette le vittime e nove i feriti a causa di un incendio che ha avvolto nelle fiamme un albergo situato in Karol Bagh a New Delhi in India mentre le squadre di pompieri ancora cercano di raffreddare le macerie fumanti. Pare che il tetto fosse di fibra in violazione della normativa edilizia; inoltre, i corridoi di evacuazione essendo ingombri di pannelli di legno non hanno consentito ai clienti di mettersi in salvo, molti sono rimasti soffocati e due si sono gettati da una finestra al quarto piano. Si indaga sulle cause dell'incendio, forse un corto-circuito, e per negligenza dal momento che sono state riscontrate molte violazioni. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche che riguardano la sicurezza che nell'Uttar Pradesh e nell'Uttarakhand nei giorni scorsi sono stati venduti settantanovemila litri di liquore adulterato, si parla di cento vittime.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   12/02/2019
__________________________________________

Laghi del mondo sempre meno ghiacciati

Se il surriscaldamento climatico del pianeta non sarà limitato trentacinquemila laghi in tre continenti e cinquanta paesi potrebbero perdere in futuro quel caratteristico lucente strato ghiacciato dei mesi invernali, almeno da quanto risulta da uno studio effettuato dai ricercatori confrontando dati storici relativi allo spessore del ghiaccio nei laghi dell'emisfero nord in un arco di tempo fra quaranta e seicento anni; poi anche un piccolo aumento delle temperature pare significhi cambiamenti drammatici nell'utilizzo di questi laghi. Alcune comunità rurali sfruttano le strade ghiacciate per facilitare i trasporti e poter aver un agevole accesso a zone interne dei laghi; inoltre, l'ecosistema acquatico potrebbe risultare alterato da queste variazioni e considerando anche l'aspetto ludico non si potranno più praticare alcuni sport sul ghiaccio. Questo fenomeno si è aggravato soprattutto l'anno scorso a causa sia delle aumentate temperature dell'aria che di quelle monitorate nelle profondità dei laghi.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   11/02/2019
__________________________________________

Ondata di freddo intenso in Giappone

Una perturbazione caratterizzata da temperature molto basse sta attraversando il Giappone, facendo toccare anche oltre meno ventiquattro gradi Celsius in alcune regioni, che sarebbe il record più basso da quando si è cominciato a registrare questi dati meteorologici nel 1957, mentre nella città di Oketo la colonnina di mercurio è scesa sotto meno ventidue e ci sono stati problemi con la circolazione stradale ad Hokkaido ed in genere nel paese (alle prese tra l'altro anche con un'insidiosa epidemia di febbre suina). Da segnalare cambiando completamente argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che un piccolo pesce tropicale avrebbe superato il test di riconoscimento allo specchio in un test effettuato nell'acquario di Osaka aggiungendo una striscia colorata che l'animale ha cercato di togliere dopo averla individuata allo specchio, comportamento che pone degli interrogativi riguardo lo sviluppo delle abilità cognitive e di consapevolezza.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   09/02/2019
__________________________________________

Produzione di plastica destinata ad aumentare

Nonostante si siano moltiplicate le iniziative per cercare di sostituire la plastica con materiali ecologici e ci siano stati degli accordi nelle prime settimane del 2019 fra le maggiori industrie del petrolchimico per ridurne l'impatto ambientale (definiti più che altro di facciata) si prevede che la produzione di plastica continuerà ad aumentare nei prossimi anni e forse si arriverà a quadriplicarla per il 2050, considerando che gran parte di essa finirà in mare e nell'ambiente dal momento che le quote di materiale effettivamente riciclato sono in pratica in percentuale minime. La richiesta sempre maggiore degli impianti petrolchimici potrebbe diventare la spinta di crescita principale al consumo di combustibili fossili con conseguenti grandi quantità di emissioni di biossido di carbonio nell'atmosfera. La plastica fa parte della vita quotidiana e si nasconde in molti prodotti insospettabili, ma bisogna rinunciarvi perché è già entrata nella catena alimentare.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   08/02/2019
__________________________________________

Incendio disastroso in Cile

Sarebbero due le vittime a causa di un vasto incendio in Cile che ha raso al suolo circa novemila cinquecento ettari di territorio coperto da foreste e vegetazione; le autorità parlano di situazione disastrosa in zone di Biobio, La Auracaria e Los Rios anche per le condizioni climatiche caratterizzate da alte temperature, bassa umidità e forte vento che favoriscono il veloce avanzare delle fiamme. Trentotto le persone evacuate dopo che le loro abitazioni sono state distrutte dal fuoco e le previsioni annunciano temperature con record di caldo nei prossimi giorni mentre nel paese vi sono decine di altri incendi ancora attivi. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che a causa dei cambiamenti climatici in futuro il mare potrebbe diventare più scuro (fenomeno non percepibile ad occhio nudo) per la minore presenza di fitoplancton o cambiamenti dell'ecosistema marino.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   07/02/2019
__________________________________________

Comunità costiere preparate a spostare i servizi

Con il rialzo dei livelli dei mari a ritmi sempre più veloci è opportuno che le comunità costiere si preparino a mettere in sicurezza i servizi considerati critici e quindi spostare più in alto le infrastrutture che assicurano acqua, energia e gestione dei rifiuti; almeno secondo l'opinione di alcuni analisti canadesi che portano l'esempio della città di Saint John (Terranova - Newfoundland) dove le autorità hanno fatto una richiesta di finanziamenti, che fanno parte degli stanziamenti per contrastare i cambiamenti climatici globali, per poter procedere a questi spostamenti strutturali dal momento che nella primavera del 2018 si sono verificate inondazioni dal mare che hanno raggiunto livelli da record storico con alte onde che hanno danneggiato gli impianti energetici e di trattamento dei rifiuti oltre ai muri di protezione e contenimento dalle mareggiate dell'Oceano Atlantico.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   06/02/2019
__________________________________________

Alluvioni nel Queensland in Australia

Forti precipitazioni piovose nelle regioni a nord-est dell'Australia ed in particolare nel Queensland hanno causato alluvioni, con migliaia di case allagate ed interruzioni della fornitura di energia elettrica; inoltre, la forza dei fiumi d'acqua e fango che hanno invaso i centri abitati avrebbero persino trascinato serpenti e coccodrilli sulle strade. Le autorità nei giorni scorsi per far abbassare la pressione dell'acqua sulla diga sul fiume Ross ne hanno scaricato circa millenovecento metri cubi al secondo con conseguenti alluvioni. Da segnalare spostando l'attenzione alla Bolivia che un grossa massa di terreno appesantita dalla pioggia sarebbe caduta su un'autostrada nel nord-ovest della capitale La Paz causandone il crollo; si parla di almeno undici vittime e venti feriti, ma si tratta di un bilancio provvisorio dal momento che le squadre di soccorso stanno ancora cercando sotto le macerie.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   05/02/2019
__________________________________________

Disagi per maltempo in Italia

Le forti precipitazioni piovose che hanno caratterizzato l'ondata di maltempo che ha investito l'Italia hanno causato l'esondazione di fiumi e torrenti come accaduto presso Casalmaggiore in Emilia Romagna dove oltre quattrocento famiglie sono state evacuate per la rottura dell'argine del fiume Reno anche se la situazione sta tornando alla normalità, ma sono gravi i danni alle coltivazioni e i disagi per la popolazione per le case allagate. Sulle Alpi dove le precipitazioni sono state nevose ci sono state alcune vittime a causa di valanghe favorite anche dagli sbalzi di temperatura, poi sull'autostrada del Brennero una decina di centimetri di neve sono bastati a causarne il blocco con polemiche e accuse di inefficienza dei servizi di pulizia tramite mezzi spazzaneve. In Sardegna si parla di forti folate di vento ed allagamenti mentre sulla costiera amalfitana delle frane hanno ostacolato in alcune zone la circolazione stradale.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   04/02/2019
__________________________________________

Scarsità di riserve di acqua per l'irrigazione

L'agricoltura intensiva richiede grandi quantità di acqua la cui richiesta difficilmente può essere soddisfatta e questo problema è risultato evidente in Spagna colpita come altri paesi europei da una prolungata ondata di calore in estate; infatti, secondo alcuni l'incidente occorso ad un bambino precipitato in un pozzo illegale non segnalato in Andalusia è stato causato dal bisogno di trovare nuove fonti d'acqua. Scarse precipitazioni piovose, ondate di calore e un territorio troppo sfruttato significa avere meno energia idroelettrica e quindi per compensare maggiori emissioni di CO2 da combustibili fossili, poi scavare pozzi richiede energia, pompe ed irrigazioni da alimentare, considerando anche l'impoverimento di parchi e zone naturalistiche che un tempo erano ricche di acqua. La problematica globale di dover trovare nuove riserve d'acqua deve essere risolta se non si vogliono nuovi conflitti fra le nazioni.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   02/02/2019
__________________________________________

Gelo artico in ampie aree degli Stati Uniti

Sarebbero almeno ventuno le vittime nel Midwest degli Stati Uniti a causa dell'ondata di freddo polare con temperature proibitive da record negativi e venti gelidi che hanno costretto le autorità a sconsigliare di uscire di casa mentre tutto è bloccato dal ghiaccio come ad esempio accade a Chicago (dove ci si aspetta un rimbalzo delle temperature nei prossimi giorni anche di cinquanta gradi); migliore la situazione nello stato di New York ma sempre con temperature che toccano i meno venti gradi Celsius e quindi forti disagi per la popolazione. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che a Bruxelles in Belgio decine di migliaia di bambini [sotto l'influenza e la regia dei social network] non sono andati a scuola ed hanno protestato contro i cambiamenti climatici, poi ci sono state manifestazioni di giovani anche in Germania e Svizzera.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   01/02/2019
__________________________________________

Emissioni di metano da miniere di carbone in Cina

Quando si estrae il carbone dalle miniere si libera nell'atmosfera del metano intrappolato nella roccia, ma questo gas provoca un effetto serra ventotto volte superiore rispetto a quello del CO2, intrappolando il calore solare e per questo le autorità cinesi avevano deciso di recuperarlo per essere utilizzato a quanto pare senza riuscire nell'iniziativa; infatti, le emissioni sarebbero aumentate (cinquanta percento in più nel 2015 rispetto al 2000) almeno da quanto risulta dai dati raccolti da un satellite giapponese. Da segnalare cambiando argomento ma rimanendo su tematiche naturalistiche che continua l'ondata di gelo polare nel Midwest degli U.S.A. con temperature che sfiorano i meno quaranta gradi Celsius e si parla di alcune vittime per assideramento, poi la perturbazione gelida si sta spostando verso est investendo anche New York e Washington.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   31/01/2019
__________________________________________

Ondata di gelo e neve nel Nord America

Un vortice polare caratterizzato da vento gelido starebbe facendo abbassare moltissimo le temperature nel Midwest dell'America dal Dakota al Maine ed altre vaste aree tanto da far registrare ad esempio meno ventinove gradi Celsius a Minneapolis; poi dei rifugi sono stati allestiti pe la popolazione, centinaia di scuole sono state chiuse e migliaia di voli cancellati. Spostando l'attenzione al Canada si parla di intense precipitazioni nevose con la capitale Ottawa coperta da uno spesso manto di oltre novanta centimetri che sta mettendo in difficoltà i cittadini. Sempre in Canada i ricercatori avrebbero calcolato che le emissioni di biossido di carbonio causate da incendi boschivi sia nel 2017 che nel 2018 sono state tre volte maggiori di tutte le altre emissioni di CO2 sommate nel 2016 e quindi è necessario intervenire per evitare che si ripetano questi incendi devastanti.
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:  338 1809310         Data:   30/01/2019
__________________________________________

Pirati in giacca e cravatta

Ormai l'immagine tradizionale dei pirati organizzati in ciurme di ex corsari armati di pistole e coltelli alla cintola ha ceduto il passo al nuovo predatore vestito in giacca e cravatta che naviga e spadroneggia sul web (banditi che scaricano interi siti ed individuano le chiavi di protezione, rubano i simboli, le musiche..), magari con una nomea di tutta sicurezza che nasconde l'inganno alla prima virata di click. Ad esempio digitando "salutistico.it" su un noto motore di ricerca fra gli altri collegamenti al sito www.salutistico.it, appaiono altri link non autorizzati fra cui anche uno a quei portali per scaricare programmi gratuiti, ma che in pratica risultano a pagamento tramite Dialer. Attenti ai pirati esploratori del web Internet, navigate in acque sicure; infatti, il Demo del programma "Benessere Corpo - Mente - Anima" depositato che gode di tutti i diritti di autore si può scaricare gratis dal mio sito Internet salutistico.it compilando l'apposita scheda di registrazione (e successivamente con relative password comunicate) e mi dissocio dall'utilizzo del mio software a pagamento per qualsiasi sito differente dal mio. Da notare purtroppo che anche digitando "salutary.eu" per la versione inglese, vengono visualizzati collegamenti sconci o truffaldini. - Ultimamente è scomparso l'intero sito da alcuni motori di ricerca.. (che evidentemente utilizzano gli stessi criteri di selezione).
Posta elettronica:  info@salutistico.it   
Telefono:   338 1809310          Data:   19/01/2007
__________________________________________